Educazione visiva Metodo BATES 

Prendersi cura della propria vista

 

 

Per tutti coloro che hanno disturbi visivi: miopia, presbiopia, astigmatismo,secchezza oculare, tensione, mal di testa.

Spesso si intende la visione come la capacità di lettura e di messa a fuoco alle varie distanze e si perde la vera qualità della visione che comprende anche la percezione dello spazio, della profondità, dei volumi, delle sfumature, dei chiaroscuri e dei colori, che è quello che dà lo spessore a quello che abbiamo davanti e che guardiamo.

 

 

 

Il dott. Bates ha messo a punto un sistema per ri-apprendere le corrette abitudini visive, attraverso il, rilassamneto, movimento e centralizzazione visiva ( concetti che verranno spiegati durante gli incontri )lavorando anche su memoria, concentrazione e immaginazione.

Il metodo Bates è una tecnica olistica, naturale che lavora sulla corretta funzione visiva, per arrivare, nei casi in cui sia possibile, a vedere meglio senza occhiali.

Il dottor William H. Bates era un oculista che con spirito scientifico, curiosità e genialità, ha osservato che molti dei problemi visivi derivano da sforzo e tensione.

Ha quindi messo a punto un sistema per andare più a fondo e ri-apprendere le corrette abitudini visive, attraverso rilassamento, movimento e centralizzazione visiva (concetti che verranno spiegati nei seminari) lavorando anche su memoria, concentrazione e immaginazione.

Spesso si intende la visione come la capacità di lettura e di messa a fuoco alle varie distanze e si perde la vera qualità della visione che comprende anche la percezione dello spazio, della profondità, dei volumi, delle sfumature dei chiaroscuri, dei colori che è quello che dà spessore a quello che abbiamo davanti e che guardiamo.

 

Le tecniche utilizzate non sono da considerare una “ginnastica” ma un modo diverso di vedere il mondo.


Se vuoi approfondire vai al sito www.metodobates.it


Il percorso è articolato in 4 serate

martedì 5/12/19/26 novembre


DATA: Martedì 5 novembre ore 20.30

LUOGO: Centro Olistico Il Ruscello, via Stella di Man 12, Trento CLICCA QUI

DURATA: 2 ore a lezione

COSTO: 100 € l'intero percorso.

COSA PORTARE: abbigliamento comodo, e venire senza lenti a contatto

PER PRENOTARE:  via e-mail info@ilruscello.org o 389/3196635 


MANUELA VALENTI

Ho lavorato più di 18 anni in una terapia intensiva cardiologica, e ho visto quanto la tensione, lo stress della vita quotidiana creassero una serie di problemi anche gravi.

Mi sono interessata alle possibilità di prevenzione e ho scelto lo shiatsu perché ho sperimentato la qualità del rilassamento e il contatto fisico non invadente, come molto profondi e persistenti nel tempo.

 

Nel 1998 ho iniziato la scuola triennale di shiatsu di Yvonne Muraglia che ha studiato in Giappone con il Maestro Masunaga, colui che ha riportato in occidente questa modalità di lavoro sui meridiani energetici.

Dal 2002 ho proseguito il mio percorso di formazione con Saul Goodman, esperto americano di shiatsu e shin tai, evoluzione continua del metodo ed ho completato la sua formazione.

 

Ho aggiunto lo studio del metodo Breuss, che è un sistema di rilassamento della colonna vertebrale e reidratazione dei dischi intervertebrali, utile a coloro che hanno problemi alla schiena.

Sono iscritta APOS, associazione professionale Operatori shiatsu e mi tengo continuamente aggiornata per mantenere le competenze e le conoscenze frequentando seminari di approfondimento

Dal 2005 esercito la professione di operatrice shiatsu presso il mio studio

Ho collaborato con varie aziende che avevano molto a cuore il benessere dei dipendenti,

 

Da molti anni sperimento il metodo Bates, metodo di rieducazione visiva non invasivo per recuperare i miei problemi visivi. Ho avuto molti miglioramenti non solo nella quantità della visione ma anche nella sua qualità. La vista non solo come capacità di lettura ma anche come contatto con l’esterno, come percezione di colori e luci, di velocità e coordinazione occhio mano.

 

Dal 2005 condivido con i gruppi questa mia conoscenza del metodo Bates e ogni volta si scoprono nuove possibilità per tutti di conoscere e affrontare in modo diverso il proprio modo di vedere e guardare.